Salute

Published on luglio 6th, 2017 | by Redazione

0

Protesi di ginocchio: Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano leader in Italia per volume di interventi secondo la classifica di www.doveecomemicuro.it

L’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano è 1° in Italia per numero di interventi di protesi di ginocchio: ne effettua oltre 1800 all’anno, seguito a distanza dal Policlinico Abano terme, in Veneto, 2° con 921 interventi. Sempre il Galeazzi si aggiudica il 3° posto per volume di interventi di protesi d’anca (1566) e di protesi di spalla (91). In cima alla classifica sono anche il Policlinico San Donato di San Donato Milanese e l’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano, rispettivamente per volume di interventi di cardiochirurgia pediatrica (411) e per volume di interventi di aneurisma cerebrale non rotto (108).

Lo IEO (Istituto Europeo di Oncologia) di Milano ottiene, invece, il 2° posto per numero di interventi di tumore all’utero (354) così come l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, per volume di interventi di protesi d’anca (1652). Per lo stesso indicatore, l’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano è 4° (con 789 interventi) così come l’Ospedale Filippo del Ponte di Varese per volume di interventi di isterectomia (532) e la Casa di Cura San Raffaele Turro per volume di interventi di prostatectomia (290).

L’Ospedale San Raffaele di Milano, infine, è 5° sempre per numero di interventi di prostatectomia (287) così come il Presidio Ospedaliero Spedali Civili di Brescia, per numero di interventi di tumore alla tiroide (147).

Sono i dati diffusi da www.doveecomemicuro.it, portale di public reporting delle strutture italiane, che ha condotto un’indagine sulla base di 9 nuovi indicatori: i volumi annuali di interventi di cardiochirurgia pediatrica, di riparazione di aneurisma cerebrale non rotto, di protesi d’anca, di protesi di ginocchio, di protesi di spalla, di prostatectomia, d’isterectomia, di tumori maligni dell’utero e di tumori maligni della tiroide.

La piattaforma si arricchisce così di nuove informazioni: gli indicatori raggiungono quota 74 e il database supera le 2000 strutture (1300 ospedali pubblici e oltre 800 strutture ospedaliere territoriali, tra case di cura accreditate, poliambulatori, centri diagnostici e centri specialistici).

Dove e Come Mi Curo rappresenta sempre più un punto di riferimento irrinunciabile se si deve affrontare un intervento chirurgico, curare una patologia o semplicemente scegliere l’ospedale in cui partorire. Sul sito è possibile, infatti, confrontare in modo semplice e intuitivo le performance delle strutture italiane: basta andare all’indirizzo www.doveecomemicuro.it, inserire nel “cerca” la parola chiave prescelta (ad esempio “anca” se ci si deve sottoporre a un intervento di protesi all’anca) quindi selezionare la voce che interessa tra quelle suggerite (ad esempio “anca – protesi”): in cima ai risultati, compariranno i centri più performanti per questo tipo di intervento mentre una barra di scorrimento mostrerà il posizionamento delle singole strutture nel panorama nazionale.

La valutazione viene fatta tenendo conto di indicatori di qualità istituzionali, ad esempio i volumi di attività annuali (è dimostrato, infatti, che un alto numero di interventi ha un impatto positivo sull’esito delle cure), la mortalità a 30 giorni dal ricovero e altri dati validati e diffusi dal Ministero della Salute e dal PNE (Programma Nazionale Esiti gestito dall’Agenas per conto del Ministero della Salute)
Per approfondirewww.doveecomemicuro.it/fonte-dati
CLASSIFICHE NAZIONALI STILATE SULLA BASE DEI 9 NUOVI INDICATORI
I.         Cardiochirurgia pediatrica:
La cardiochirurgia pediatrica è quella specifica branca della cardiochirurgia specializzata nell’intervento su pazienti in età pediatrica e neonatale. Si occupa di tutte le patologie che richiedono interventi sul cuore e sul sistema cardiovascolare (compreso il trapianto di cuore): in particolare, le cardiopatie congenite o acquisite in età pediatrica, le malformazioni vascolari e i disturbi del ritmo.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H143-cardiochirurgia-pediatrica-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 92: il 49% si trova al nord, il 23% al centro e il 28% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 56% è stato effettuato al nord, il 26% al centro e il 18% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Policlinico San Donato – Gruppo Ospedaliero San Donato
(Lombardia – MI – San Donato Milanese) (n° interventi: 411)
2.    Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (Lazio – RM – Roma) (n° interventi: 380)
3.    Policlinico Sant’Orsola – Malpighi
(Emilia Romagna – BO – Bologna) (n° interventi: 265)
4.    Azienda Ospedaliera dei Colli – Monaldi
(Campania – NA – Napoli) (n° interventi: 252)
5.    Ospedale Infantile Regina Margherita
(Piemonte – TO – Torino) (n° interventi: 234)
II.         Aneurisma cerebrale non rotto:
L’aneurisma cerebrale è una dilatazione di un vaso arterioso del cervello le cui dimensioni possono variare da pochi mm a oltre 2 cm. Solo una minima percentuale va incontro a rottura, con un rischio che aumenta se le dimensioni superano i 7mm. Le possibilità di trattamento sono due: quello microchirurgico e quello endovascolare. Sarà il neurochirurgo a valutare se l’aneurisma necessita solo di osservazione o di un intervento.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H223-aneurisma-cerebrale-non-rotto-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 68: il 53% si trova al nord, il 22% al centro e il 25% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 58% è stato effettuato al nord, il 22% al centro e il 20% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Ospedale Niguarda Ca’ Granda
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 108)
2.    Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi
(Toscana – FI – Firenze) (n° interventi: 80)
3.    Ospedale di Padova
(Veneto – PD – Padova) (n° interventi: 48)
4.    Azienda Ospedaliera di Perugia
(Umbria –  PG – Perugia) (n° interventi: 48)
5.    Istituto Neurologico Carlo Besta
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 45)
III.        Protesi d’anca:
L’anca è l’articolazione che collega il tronco agli arti inferiori. A danneggiarla più frequentemente sono l’osteoartrosi (in cui la cartilagine che ammortizza le ossa dell’anca si ammorbidisce e si logora), le fratture ossee (che nel tempo possono danneggiare la cartilagine articolare, causando dolore e limitandone la funzione) e l’artrite reumatoide (in cui la membrana sinoviale che circonda l’articolazione, diventando infiammata e ispessita, danneggia la cartilagine). Quando l’entità del danno è rilevante o se il problema diventa cronico, può rendersi necessario l’intervento chirurgico di protesi d’anca, durante il quale l’osso danneggiato e la cartilagine vengono rimossi e sostituiti con delle protesi artificiali.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H124-anca-protesi-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 756: il 45% si trova al nord, il 23% al centro e il 32% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 58% è stato effettuato al nord, il 22% al centro e il 20% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Istituto Ortopedico Rizzoli
(Emilia Romagna – BO – Bologna) (n° interventi: 1737)
2.    Istituto Clinico Humanitas
(Lombardia – MI – Rozzano) (n° interventi: 1652)
3.    Istituto Ortopedico Galeazzi – Gruppo Ospedaliero San Donato
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 1566)
4.    Istituto Ortopedico Gaetano Pini
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 789)
5.    Casa di Cura Giovanni XXIII
(Veneto – TV – Monastier Di Treviso) (n° interventi: 782)
IV.        Protesi di ginocchio:
L’articolazione del ginocchio è situata tra femore (superiormente), tibia (inferiormente) e rotula (anteriormente). Quando è gravemente danneggiata (il che capita più frequentemente a causa dell’artrosi) può essere necessario un intervento di protesi di ginocchio: totale, laddove le lesioni a ossa legamenti e tendini sono gravi, o parziale, se il ginocchio presenta ancora delle zone sane).
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H135-ginocchio-protesi-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 726: il 45% si trova al nord, il 22% al centro e il 33% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 57% è stato effettuato al nord, il 23% al centro e il 20% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Istituto Ortopedico Galeazzi – Gruppo Ospedaliero San Donato
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 1824)
2.    Policlinico Abano Terme
(Veneto – PD – Abano Terme) (n° interventi: 921)
3.    Ospedale Sacro Cuore Don Calabria
(Veneto – VR – Negrar) (n° interventi: 780)
4.    Casa di Cura Giovanni XXIII
(Veneto – TV        – Monastier di Treviso) (n° interventi: 739)
5.    Casa di Cura Policlinico di Monza
(Lombardia – MB – Monza) (n° interventi: 725)
V.        Protesi di spalla:
La spalla è l’articolazione a sfera che collega l’arto superiore al tronco. Quando è molto danneggiata (generalmente a causa dell’artrosi), si può rendere necessario un intervento di sostituzione con una protesi, che consiste nel rimuovere la testa dell’omero e la porzione ossea della scapola sostituendoli con impianti protesici.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H136-spalla-protesi-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 567: il 51% si trova al nord, il 23% al centro e il 26% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 58% è stato effettuato al nord, il 24% al centro e il 18% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Ospedale Cervesi di Cattolica
(Emilia Romagna – RN – Cattolica) (n° interventi: 177)
2.    Ospedale Santa Maria di Misericordia
(Liguria – SV – Albenga) (n° interventi: 95)
3.    Istituto Ortopedico Galeazzi – Gruppo Ospedaliero San Donato
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 91)
4.    Istituto Marco Pasquali – ICOT
(Lazio – LT – Latina) (n° interventi: 89)
5.    Casa di Cura Frate Sole
(Toscana – FI – Figline e Incisa Valdarno) (n° interventi: 85)
VI.        Prostatectomia:
La prostatectomia è un intervento che consiste nell’asportazione chirurgica di tutta o parte della ghiandola prostatica. Può essere eseguito con metodi diversi. In caso di iperplasia prostatica benigna (patologia caratterizzata dall’ingrossamento della ghiandola prostatica) viene spesso utilizzata la resezione tranuretrale (TURP), una tecnica endoscopica meno invasiva rispetto alla chirurgia tradizionale che vanta risultati eccellenti in una elevata percentuale di pazienti.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H240-prostata-prostatectomia-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di interventi sono 529: il 42% si trova al nord, il 24% al centro e il 33% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 53% è stato effettuato al nord, il 23 % al centro e il 24% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi
(Toscana – FI – Firenze) (n° interventi: 401)
2.    Policlinico Abano Terme
(Veneto – PD – Abano Terme) (n° interventi: 305)
3.    Casa di Cura Dott. Pederzoli
(Veneto – VR – Peschiera Del Garda) (n° interventi: 298)
4.    Casa di Cura San Raffaele Turro
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 290)
5.    Ospedale San Raffaele – Gruppo Ospedaliero San Donato
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 287)
VII.    Isterectomia:
L’isterectomia è un intervento che consiste nell’asportazione chirurgica dell’utero. Se viene asportato interamente (corpo, fondo, cervice) si parla di isterectomia totale. Quando, invece, la cervice viene conservata, si parla di isterectomia parziale o subtotale. L’isterectomia può essere eseguita a cielo aperto, per via vaginale (colpoisterectomia) o per via laparoscopica. Indicazioni all’intervento sono rappresentate sia da patologie maligne che benigne, come fibromi, prolassi, endometriosi severa, eccessivo sanguinamento mestruale e malattia pelvica infiammatoria.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H241-utero-isterectomia-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 714: il 40% si trova al nord, il 22% al centro e il 38% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 53% è stato effettuato al nord, il 20% al centro e il 27% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Policlinico Universitario A. Gemelli
(Lazio – RM – Roma) (n° interventi: 1193)
2.    Ospedale Sant’Anna
(Piemonte – TO – Torino) (n° interventi: 746)
3.    Policlinico Sant’Orsola – Malpighi
(Emilia Romagna – BO – Bologna) (n° interventi: 575)
4.    Ospedale Filippo del Ponte
(Lombardia – VA – Varese) (n° interventi: 532)
5.    Casa di Cura C.B.H. Presidio Mater Dei
(Puglia – BA – Bari) (n° interventi: 523)
VIII.    Tumore all’utero:
I più comuni tumori dell’utero sono quelli dell’endometrio e della cervice uterina. Più rari sono i sarcomi uterini, che colpiscono lo strato muscolare del corpo dell’utero. La scelta del trattamento dipende, soprattutto, dallo stadio della malattia al momento della diagnosi, ma si basa anche sullo stato di salute generale della persona e sull’età. Per raggiungere la massima efficacia, si procede combinando due o più trattamenti che sono rappresentati dalla chirurgia seguita o preceduta dalla chemioterapia, dalla radioterapia e dalla terapia ormonale.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H220-tumore-maligno-all-utero-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di interventi sono 568: il 43% si trova al nord, il 22% al centro e il 35% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 52% è stato effettuato al nord, il 24% al centro e il 24% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Policlinico Universitario A. Gemelli
(Lazio – RM – Roma) (n° interventi: 681)
2.    IEO – Istituto Europeo di Oncologia
(Lombardia – MI – Milano) (n° interventi: 354)
3.    Casa di Cura Villa dei Platani
(Campania – AV – Avellino) (n° interventi: 173)
4.    Policlinico Sant’Orsola – Malpighi
(Emilia Romagna – BO – Bologna) (n° interventi: 173)
5.    Consorziale Policlinico
(Puglia – BA – Bari) (n° interventi: 172)
IX.    Tumore alla tiroide:
Alla presenza di un tumore della tiroide (ghiandola a forma di farfalla posizionata alla base del collo) si interviene chirurgicamente con l’obiettivo di asportare la ghiandola e i linfonodi coinvolti. Dopo l’intervento, è necessario assumere gli ormoni tiroidei che prima venivano prodotti dalla tiroide stessa. Nei casi in cui è alto il rischio di sviluppo di metastasi a distanza, può essere necessario il trattamento con iodio radioattivo.
Per approfondire: https://www.doveecomemicuro.it/indicatori/H219-tumore-maligno-alla-tiroide-volume-annuale-di-interventi-chirurgici
Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di interventi sono 495: il 42% si trova al nord, il 25% al centro e il 35% al sud. In particolare, della totalità degli interventi eseguiti il 55% è stato effettuato al nord, il 31% al centro e il 24% al sud.
Le strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di interventi sono:
1.    Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana
(Toscana – PI – Pisa) (n° interventi: 854)
2.    Ospedale di Padova
(Veneto – PD – Padova) (n° interventi: 522)
3.    Policlinico Universitario A. Gemelli
(Lazio – RM – Roma) (n° interventi: 422)
4.    Policlinico di Monserrato
(Sardegna – CA – Cagliari) (n° interventi: 167)
5.    Presidio Ospedaliero Spedali Civili di Brescia
(Lombardia – BS – Brescia) (n° interventi: 147)
 
Fonte Ufficio Stampa – Dove e Come Mi Curo
Sito Ufficiale: www.doveecomemicuro.it
Facebook: www.facebook.com/doveecomemicuro
Twitter: www.twitter.com/doveecomemicuro
Google Plus: https://plus.google.com/b/114808357413582570260/114808357413582570260
Linkedin: www.linkedin.com/company/dove-e-come-mi-curo-srl


About the Author

Redazione



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Partners

  • Video